Je Suis Sofficino: Prove tecniche di censura a 5 stelle.

jesuis

Il boicottaggio degli elettori 5 stelle nei confronti dei prodotti Findus e Vileda a prima vista può far sorridere, ma è in realtà l’ennesimo sintomo della grave allergia che il  Movimento ha nei confronti delle critiche e della libera informazione. Quella stessa allergia che, neanche un mese fa a Palermo, ha portato gli attivisti presenti a Italia 5 Stelle ad aggredire con spinte e schiaffi i cronisti arrivati per intervistare Virginia Raggi.

L’insofferenza di Grillo, e di conseguenza dei 5 Stelle, nei confronti dei giornalisti ha radici antiche. Non a caso il secondo Vaffanculo Day é stato interamente dedicato a loro, e lui stesso in ogni comizio non perde occasione per ribadire con insulti e minacce il suo disprezzo nei confronti della categoria, sbandierando in supporto delle sue accuse il triste 77° posto nella classifica per la libertá di stampa (ignorando che proprio le minacce sono uno dei motivi che hanno spinto l’Italia così in basso).

Urlare dal palco “Son tutti contro di noi” ha il duplice obiettivo di compattare il Movimento, e delegittimare qualsiasi voce critica nei confronti di esso. Gran parte degli elettori 5 Stelle è ormai prigioniera all’interno di una bolla ideologica creata abilmente dalle centinaia di pagine Facebook controllate dalla Casaleggio Associati, e diffida di qualsiasi notizia riportata dai media tradizionali. Siamo arrivati a un punto tale che quasi un terzo degli Italiani bolla come disinformazione articoli e inchieste scritti da giornalisti qualificati, ma accetta e condivide entusiasticamente qualsiasi post con il marchio 5 stelle.

L’aria che tira, per l’informazione in Italia, è sempre più pesante. Il popolo grillino, opportunamente addestrato per anni sul blog con gli insulti al “Giornalista del giorno”, è diventato una perfetta macchina da guerra contro la stampa dissidente. Agli insulti si sono aggiunte le minacce, le segnalazioni di massa su Facebook e Twitter per rimuovere i post sgraditi, le aggressioni fisiche e ora anche il boicottaggio degli sponsor.

Un escalation preoccupante per un partito che sinora è stato solo all’opposizione. Rimane solo la speranza di non sapere mai cosa potrebbe succedere se arrivasse davvero al potere. Il 180° posto dell’Eritrea non è poi così lontano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...